Torneo valido per il Gran Prix COOP Trentino 2014 - 4^ Categoria

Numero iscritti:

  • Totali giocatori - 108;
  • Singolare maschile - 75;
  • Singolare femminile - 28;
  • Doppio maschile - 12 coppie;
  • Doppio femminile - 7 coppie;

 

Di seguito l'articolo pubblicato sul sito della F.I.T. Trentino:

"Città di Ala: nel quarta trionfa ancora Massimo Robol

Successi di Massimo Robol e della veronese Aurora Maria Pasquetto nella prova del Grand Prix trentino andata in scena sui campi di Ala, dove è tornato a fare tappa il circuito per il secondo anno consecutivo dopo qualche anno di assenza. E come sempre, è stata proprio la prova organizzata dal Tennis Club Ala ad inaugurare ufficialmente la stagione all'aperto del 31esimo Grand Prix "Coop Trentino". Il torneo, riservato ai giocatori di quarta categoria, diretto dal Giudice arbitro Assunta Azzolini, ha fatto registrare un boom di iscrizioni rispetto all'anno precedente. Sono stati infatti ben 108 i giocatori scesi in campo in questa edizione, che prevedeva oltre alle classiche competizioni di singolo, anche i doppi maschili e femminili. 

La prova maschile ha visto affrontarsi in finale il tennista dell’altipiano di Folgaria Massimo Robol e il giovane alfiere dell’Argentario Alessio Ravanelli, remake della sfida andata in scena qualche settimana fa sull’erba sintetica di Cognola. Anche stavolta l’ha spuntata Robol al termine di un match meno intenso e combattuto, ma sicuramente piacevole e ben giocato dai due protagonisti. Il roveretano ha fatto valere nei momenti topici tutta la sua esperienza imponendosi per 64 63. Sofferta la semifinale che aveva visto Robol costretto a inseguire il veronese Alessandro Fiscaletti, accreditato della testa di serie numero uno, sconfitto alla distanza con il punteggio di 36 61 64. Nella parte bassa del tabellone Ravanelli era stato bravo invece a tenere a bada con grande sicurezza Girardi, piegato per 62 63. Ai quarti era uscito di scena l’ottimo giovane di casa Simone Salvetti, classifica 4.4 e autore di un torneo decisamente positivo che l’ha visto infilare diversi positivi prima della resa con il favorito numero uno, lo scaligero Fiscaletti.

La sfida per il titolo femminile ha avuto come protagoniste Angela Armici, brava prima a piegare in semifinale la 4.2 Digiusto, e la giovane veronese Aurora Maria Pasquetto che aveva avuto la meglio sulla 4.3 Fabris, giunta a sorpresa tra le migliori quattro dopo un’autentica maratona lunga quasi quattro ore con la pari categoria Menapace. Si è fermata invece ai quarti l'atleta di casa Michela Debiasi costretta a cedere il passo alla 4.2 Digiusto dopo tre set tiratissimi. Decisamente interessante e avvincente la finale, che ha visto la rivana imporre il proprio palleggio per un set ma poi cedere gradualmente campo ai colpi potenti della giovane veronese, resi molto efficaci dalla superficie veloce dei campi alensi.

Il doppio maschile ha visto la netta vittoria in finale della coppia formata da Massimo Robol e Alberto Nicolodi che hanno avuto la meglio sui veronesi Bistaffa-Fiscaletti, con un perentorio 62 61. Si era fermata in semifinale la corsa degli atleti di casa Michele e Stefano Cavagna, partiti dal primo turno del torneo e piegati solo al terzo dalla coppia Robol - Nicolodi (63 36 63 il punteggio finale).

La competizione di doppio femminile è stata dominata dalla coppia di Arco composta da Angela e dalla giovanissima Virginia Torboli, che in finale hanno sconfitto nettamente le trentine Digiusto – Rizzotto con un autorevole 60 61. Anche in questo caso la coppia di casa formata da Michela Debiasi e Claudia Piamarta è stata sconfitta in semifinale dalla coppia vincitrice dopo un positivo torneo."

I TABELLONI CONCLUSIVI

 

IL REGOLAMENTO

LA LOCANDINA